Ordine Morale Augusta Taurinorum Cavalieri Templari nel Mondo
SERVENDOCI L'UN L'ALTRO CI RENDEREMO LIBERI E SERVENDO RENDEREMO LIBERO IL MONDO
Augusta Taurinorum Cavalieri Templari nel Mondo

BENTORNATO MONSIGNORE

convivio-4-feb-2018

(Torino – 4 febbraio 2018) –   Si potrebbero definire quasi un happening.  Le visite di Mons. Barthélemy alla  Commenda “Augusta Taurinorum” seguono ormai un calendario preciso, quasi a voler scandire una liturgia di amore e fratellanza costruita “insieme-con” , ma anche “dedicata-a” tutti fratelli e le sorelle dell’Ordine. Il santuario di San Giuseppe, gremito per la Santa Messa domenicale, ha visto il presule camerunense officiare il rito insieme a padre Antonio Menegon, ispirato padrone di casa e buon amico dell’OMAT. E’ stata l’occasione per ricordare una volta di più  che in Cristo non esiste l’ “altro”, sia esso ritenuto tale per colore della pelle, per lingua perlata, per appartenenza di genere. “L’altro siamo tutti noi,” questo il messaggio silenzioso, ma di prepotente attualità che i due sacerdoti hanno voluto estendere a tutta la congregazione al momento della benedizione di commiato, recitata a due voci in italiano ed in francese.
Come di consueto la commenda ha voluto festeggiare Mons. Barthélemy nel convivio meridiano che ha raccolto l’OMAT ed il vescovo presso “Sausalito”, il bistrot che si ispira –  nel menù e nelle scelte musicali di sottofondo – ad uno dei più famosi sites della West Coast americana, aperto in esclusiva per la Commenda ed i suoi ospiti. E’ d’obbligo quindi un caloroso ringraziamento a fra’ Eugenio – comproprietario del locale – alla sua famiglia ed ai dipendenti  di Sausalito per questo appuntamento fuori orario che li ha costretti a rinunciare al sacrosanto riposo domenicale.

Leggi la lettera di ringraziamento di Mons. Barthélemy ->    Lettre_pour_les_templer